Autismo e natura: una connessione di amore e vita

Autismo e connessione con la natura.

“... per me il motivo numero uno è che noi persone con autismo amiamo il verde della natura.

... La nostra passione per la natura è, credo, un po' diversa da quella di tutti gli altri. Immagino che ciò che ti tocca in natura sia la bellezza degli alberi, dei fiori e delle cose. Ma per noi persone con bisogni speciali, la natura è importante quanto la nostra stessa vita.

Il motivo è che quando osserviamo la natura, riceviamo una sorta di permesso per essere vivi in ​​questo mondo e tutto il nostro corpo si ricarica.

Per quanto spesso veniamo ignorati e respinti dalle altre persone, la natura ci darà sempre un grande abbraccio, qui dentro i nostri cuori.

Il verde della natura è la vita delle piante e degli alberi. Il verde è la vita. E questo è il motivo per cui amiamo fare passeggiate."


Citazioni tratte dal libro di Naoki Higashida, Il motivo per cui salto: la voce interiore di un ragazzo di tredici anni con autismo.

autismo e natura
 

Bambini autistici e connessione con la natura

L'autismo colpisce le persone in modo molto diverso e spesso non visibile. Molte persone con autismo hanno problemi di comunicazione, comprensione delle norme sociali e difficoltà nella creazione e il mantenimento di amicizie e relazioni.

Ma la terapia forestale e le altre pratiche di connessione con la natura sono attività adatte e benefiche per le persone con autismo?

La ricerca ha dimostrato che i bambini autistici che fanno passeggiate o giocano negli spazi verdi mostrano livelli di attenzione e concentrazione più elevati rispetto ai bambini con autismo che camminano in ambienti edificati o giocano prevalentemente in ambienti chiusi.

Per cui sembra ragionevole concludere che una maggiore connessione con la natura sarà positiva.
 

Sensibilità agli stimoli della natura

Molte persone con autismo sperimentano anche ipersensibilità o iposensibilità (sottosensibilità) a esperienze sensoriali come l'udito, il gusto, l'olfatto, il tatto, la sensazione e la vista.

Portare le persone con autismo che sono ipersensibili all'esterno e invitarle a connettersi con la natura attraverso la vista, il suono e il tatto può migliorare la loro capacità di far fronte a una gamma più ampia di stimoli e aiutare ad affrontare le esperienze di problemi sensoriali.

Per le persone autistiche che sono sottosensibili, le passeggiate nella natura con particolare attenzione alla vista, ai suoni e agli odori o alla natura possono aumentare la stimolazione sensoriale in queste aree.

Ricerche moderne hanno proposto che alcuni dei problemi di elaborazione sensoriale associati riscontrati possono essere attribuiti a percorsi neurali inefficienti, ma sperimentando una varietà di input sensoriali diversi, come l'udito, il tatto e la vista in un ambiente naturale, questi percorsi neurali possono essere rafforzati.

Le persone con autismo possono essere ipersensibili ad alcune esperienze sensoriali, ad esempio suoni o viste e input visivi, ma poco sensibili ad altre esperienze sensoriali, come tatto e sensazioni.
 

Stare all'aperto porta ad effetti positivi su ansia e depressione

C'è anche molta ricerca sugli effetti benefici della connessione natura sui livelli di ansia e depressione.

Secondo le stime oltre il 70% delle persone con autismo soffre di depressione e ansia grave rispetto a circa il 25% della popolazione generale che potrebbe sviluppare problemi di salute mentale durante il corso della propria vita.

Uno degli studi più approfonditi sull'autismo e la connessione con la natura ha mostrato che quando i bambini con autismo erano regolarmente impegnati in attività all'aperto, sperimentavano miglioramenti in sette aree chiave: interazione sociale; comunicazione; comportamento; emozione; cognizione; problemi sensoriali; e attività fisica.
 

Autore dell'articolo "Autismo e connessione con la natura":

Invia commento
Nessun commento
Email Newsletter
Insieme siamo più forti. Restiamo in contatto.